User:

Pass:


Accedi

Studio Rizzo - Privacy Policy

La informiamo che i dati che fornirà al gestore del presente sito al momento della compilazione del "form contatti" (detto anche form mail) del sito stesso, saranno trattati nel rispetto delle disposizioni di cui al d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali.
Il form contatti messo a disposizione sul sito ha il solo scopo di consentire ai visitatori del sito di contattare, qualora lo desiderino, il gestore del sito stesso, inviando tramite il suddetto form una e-mail al gestore.
La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall’utente visitatore al momento della compilazione del form contatti.
La informiamo del fatto che i dati che conferirà volontariamente tramite il form verranno tramutati in una email che eventualmente potrà essere conservata all’interno del sistema di ricezione di e-mail utilizzato dal titolare del sito.
Questi dati non verranno registrati su altri supporti o dispositivi, né verranno registrati altri dati derivanti dalla sua navigazione sul sito.


1. Finalità del trattamento dei dati personali
Le finalità del trattamento dei suoi dati sono le seguenti:

  • I dati da lei inviati verranno utilizzati al solo scopo di poterla eventualmente ricontattare tramite i riferimenti da lei lasciati tramite il form contatti per evadere eventuali sue richieste contenute nel messaggio da lei inviato.

2. Natura dei dati trattati e modalità del trattamento

  • I dati personali trattati saranno esclusivamente quelli da lei forniti all’atto della compilazione del form contatti.
  • Il trattamento dei dati personali conferiti è realizzato per mezzo delle operazioni o del complesso delle operazioni indicate all’art. 4 comma 1 lett. a) D. Lgs. 196/2003.
  • Il trattamento è svolto direttamente dal titolare.

3. Facoltatività del conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è facoltativo. Tuttavia, il rifiuto al conferimento determinerà l’impossibilità ad essere ricontattato da STUDIO RIZZO CONSULENZE IMMOBILIARI E MULTISERVIZI di Franco Rizzo .


 4. Titolare del trattamento
Titolare del trattamento è STUDIO RIZZO CONSULENZE IMMOBILIARI E MULTISERVIZI di Franco Rizzo .


 5. Diritti dell'interessato
I soggetti ai quali i dati personali fanno riferimento hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei dati stessi, e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o richiedere l'aggiornamento, integrazione oppure la correzione (art. 7 D.Lgs. 196/03).
Ai sensi del medesimo articolo, l'utente ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge e, in ogni caso, di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.


 6. Durata del trattamento
Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per le quali i dati sono stati raccolti.






I dati Istat, vendite in aumento dello 0,5% su dicembre e dell'1,3% rispetto a inizio 2018

MILANO -  Segnali di miglioramento dal settore del commercio al dettaglio. Secondo i dati diffusi dall'Istat le vendite sono aumentate dello 0,5% in valore rispetto a dicembre 2018 e una crescita dell'1,3% rispetto a gennaio 2018. La grande distribuzione registra a gennaio 2019 un aumento tendenziale del 2,8%, il più elevato da marzo 2018, quando c'era stato l'effetto positivo delle festività Pasquali. Diversamente, le piccole superfici si caratterizzano per una flessione tendenziale dello 0,8%. È in forte crescita il commercio online (+13,3%).

Il risultato di gennaio segue la doppia flessione, congiunturale e tendenziale, di dicembre, che è un mese chiave per le vendite legate alle feste di Natale e di fine anno.

L'Istat registra, anche in volume, una crescita a gennaio dello 0,6% su base mensile e dell'1,5% su base annua. La crescita congiunturale è dovuta soprattutto all'andamento dei beni alimentari (+1% in valore e +1,1% in volume), mentre si registra una dinamica più moderata per quelli non alimentari (+0,1% in valore, +0,2% in volume). Anche su base annua risultano in crescita sia i beni alimentari (+2,3% in valore e +1,9% in volume) sia, in misura minore, quelli non alimentari (+0,5% in valore e +1,2% in volume).

Per quanto riguarda le vendite di beni non alimentari, gli aumenti tendenziali maggiori riguardano  calzature e articoli in cuoio e da viaggio (+2,3%) ed elettrodomestici, radio, tv e registratori (+2,2%). Le flessioni più marcate si registrano per cartoleria, libri, giornali e riviste (-1,6%) e prodotti farmaceutici (-1,2%).

Fonte notizia: https://www.repubblica.it/economia/2019/03/07/news/istat_commercio_al_dettaglio-220914565/?ref=drac-4

Tra i vari segmenti che compongono il mercato immobiliare italiano, quello dei posti auto e dei box auto sembra godere di un discreto stato di salute. E, a conferma di ciò, è d’altronde sufficiente dare uno sguardo all’andamento delle quotazioni nelle principali città italiane per rendersi conto come il trend di sviluppo sia di solida, solidissima, fase di consolidamento.

Stando a quanto affermano infatti i dati raccolti dall’ufficio studi di Tecnocasa, nella prima parte del 2018 (ultimo periodo al quale è possibile ricondurre le statistiche più attendibili, in attesa che nei prossimi mesi vengano formulati i dati della seconda metà dell’anno e dell’intero 2018), i valori immobiliari di box e di posti auto nelle grandi città sono rimasti sostanzialmente stabili, con un incremento dello 0,2% per quanto attiene i primi, e un calo dello 0,1% per quanto attiene invece i secondi.
Scendendo maggiormente nell’ambito delle singole realtà urbane, a Bologna, Bari, Milano e Palermo i prezzi dei box sono in aumento. Il motivo è piuttosto semplice: secondo gli analisti di Tecnocasa, la ragione è da ricercarsi nel fatto che proprio in queste città stiamo assistendo a una positiva generale ripresa del mercato immobiliare residenziale tale, per quanto intuibile, da trascinare al rialzo anche i prezzi di box e posti auto. Peraltro, il concetto viene ribadito anche da uno sguardo per singole zone: i valori più alti – come era lecito attendersi – sono infatti nelle zone centrali, dove ci sono maggiori difficoltà di parcheggio e dove un posto dove poter parcheggiare il proprio veicolo è dunque un vero lusso. Proprio qui, d’altronde, l’offerta di box è piuttosto ristretta, e molti immobili (principalmente, quelli storici) ne sono praticamente privi.

Si noti altresì che questo settore è anche uno di quelli che sta attraendo i maggiori investimenti. Pare infatti – sancisce Tecnocasa – che il 53% di coloro che comprano lo facciano con finalità di investimento, apprezzando la buona domanda in locazione di questa tipologia immobiliare e la maggiore facilità di gestione rispetto all’abitazione.

Negli ultimi anni, infine, è risultata in leggero aumento la percentuale di coloro che acquistano rispetto a coloro che optano per la locazione.

Fonte notizia: https://www.notiziarioimmobiliare.it/box-posti-auto-5086